Adua Della Porta: «Sono viva, devo fare un percorso spirituale e curare la mia salute»

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Adua Della Porta, la parrucchiera scomparsa da oltre un mese, ha telefonato alla madre e alla "Gazzetta di Parma": «Sto bene, nessuno mi ha ucciso o picchiato, il mio compagno non mi ha mai sfiorato. Mi sto curando in una clinica del Nord Italia, devo fare un percorso spirituale e curare la mia salute. In Francia? Mai andata, ci è andato il mio compagno».

Le dichiarazioni rilasciate dalla donna sembrano smentire quelle di un suo amico che, ai microfoni della trasmissione "Chi l'ha visto?", aveva detto: «L'ultima volta che mi hanno chiamato mi hanno detto che erano in Francia. [...] Li ho accompagnati io fino all'albergo. [...] Eravamo io, la mia ragazza, Adua e Mahmoud, loro si erano portati anche 4 o 5 valigie. [...] Li ho portati a Marsiglia, il primo giorno siamo stati a Nizza, il secondo giorno siamo andati a Marsiglia».

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.