Adua Della Porta: «Sono viva, devo fare un percorso spirituale e curare la mia salute»

Adua Della Porta, la parrucchiera scomparsa da oltre un mese, ha telefonato alla madre e alla "Gazzetta di Parma": «Sto bene, nessuno mi ha ucciso o picchiato, il mio compagno non mi ha mai sfiorato. Mi sto curando in una clinica del Nord Italia, devo fare un percorso spirituale e curare la mia salute. In Francia? Mai andata, ci è andato il mio compagno».

Le dichiarazioni rilasciate dalla donna sembrano smentire quelle di un suo amico che, ai microfoni della trasmissione "Chi l'ha visto?", aveva detto: «L'ultima volta che mi hanno chiamato mi hanno detto che erano in Francia. [...] Li ho accompagnati io fino all'albergo. [...] Eravamo io, la mia ragazza, Adua e Mahmoud, loro si erano portati anche 4 o 5 valigie. [...] Li ho portati a Marsiglia, il primo giorno siamo stati a Nizza, il secondo giorno siamo andati a Marsiglia».

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con master in scienze forensi e fra pochi mesi in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.