Omicidio di Carmine D'Errico: nuovi elementi avvalorano l'accusa nei confronti del figlio

L'ultima puntata di "Chi l'ha visto?" ha gettato molte ombre sulla posizione di Lorenzo D'Errico in merito alla morte dell'anziano padre, avvenuta presumibilmente a Cusano Milanino intorno al 31 dicembre 2021. Ecco i punti principali dell'indagine, raccontati dalla trasmissione della RAI condotta da Federica Sciarelli.

  • Il GIP ha convalidato il fermo dell'uomo e ha confermato la custodia cautelare in carcere.
  • Non si conosce ancora l'esatto momento della morte di Carmine, ma, per la Procura, il 31 dicembre Lorenzo avrebbe preso un taxi pagato 130 euro che da Cusano Milanino l'avrebbe portato nel cremonese, dove vive la sua ragazza, in quel momento assente perché dedita al volontariato in Kenya. Qui l'accusato avrebbe chiesto in prestito l'auto della donna ai genitori di lei. In seguito col mezzo sarebbe tornato a casa per disfarsi del cadavere.
  • Lorenzo avrebbe simulato la fuga o il suicidio del padre prendendo la sua macchina e parcheggiandola a pochi chilometri dalla loro abitazione.
  • Nonostante l'uomo abbia dichiarato agli inquirenti di aver passato il Capodanno a casa, l'auto presa in prestito sarebbe stata fotografata alle 1:14 del 31 dicembre a Paderno Dugnano e il cellulare del ragazzo avrebbe agganciato una cella di Cerro Maggiore.
  • Il cadavere del povero Carmine presentava segni di martellate ed è stato trovato parzialmente carbonizzato proprio a Cerro Maggiore, per la precisione in un capannone dismesso, da dei rapper che stavano girando un videoclip.
  • Una volta tornata dal volontariato in Kenya, la ragazza di Lorenzo, riscontrando una puzza nauseabonda nella sua auto, gli ha chiesto spiegazioni. Durante un'intercettazione l'uomo ha fatto addirittura ironia: «Sarà di un morto!».
  • In tutto questo periodo l'accusato ha rilasciato delle dichiarazioni molto colorite che hanno scatenato i "chilhavisters" in particolare su Twitter. Di seguito pubblichiamo una parte di un suo intervento caricato su Facebook e citato dalla redazione di "Chi l'ha visto?".

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.