Uccide la madre spingendola per le scale, poi si suicida

  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tragedia familiare a Mugnano, un comune situato nella città metropolitana di Napoli: Tiziana Capasso, una quarantenne che secondo "Il Mattino" soffriva di disturbi psichici, ha spinto per le scale di casa la madre di 80 anni Nunzia Marciano e in seguito ha deciso di suicidarsi buttandosi dal balcone.
Il dramma è avvenuto in un edificio di via Di Giacomo, l'anziana è morta sul colpo, la Capasso è deceduta poco più tardi nell'ospedale San Giuliano.
La donna aveva non ben specificati problemi mentali e viveva con la madre (il padre era venuto a mancare circa 20 giorni fa): era attiva su Facebook e, oltre ad essersi messa l'avatar dell'ActionAid contro il femminicidio, aveva pubblicato alcuni slogan contro la violenza come "Se picchi una donna... non sei forte... sei una me*da!".

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.