Arrestati tre presunti “truffatori romantici”, sono indagati per estorsione e truffa aggravata

  •  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  

I truffatori romantici ai quali "Chi l'ha visto?" ci ha ormai abituato da settimane non sempre la fanno franca: durante l'operazione "Romantic Scam" avviata dalla Procura Distrettuale di Catania grazie alle indagini della Polizia Postale sono stati arrestati tre presunti delinquenti, di cui una donna che attualmente si trova ai domiciliari.
Le indagini sono iniziate a seguito della segnalazione di un uomo che era stato adescato su Facebook oltre un anno fa da un profilo fake: una certa "Angela" l'aveva attirato in una relazione sentimentale a distanza, asseriva di abitare in Germania, ma si era detta intenzionata a trasferirsi in Sicilia adducendo storie di sofferenze e drammi familiari. Dopo qualche tempo la vittima ha cominciato a versare a più riprese somme di denaro all'"amata" anche fino a 300.000 €, tanto che alla lunga è stata costretta a vendere un immobile di sua proprietà e a chiedere numerosi prestiti.
Quando anche un falso avvocato ha cominciato a telefonare all'uomo chiedendogli soldi per la fuga di "Angela" dalla Germania e in seguito a minacciarlo, il malcapitato è stato convinto da un parente a denunciare alle autorità competenti ciò che gli stava succedendo.
Le indagini della Polizia Postale sono state svolte attraverso intercettazioni, acquisizioni di dati informatici, appostamenti e perquisizioni, la truffa romantica è sempre stata condotta attraverso il messenger di Facebook e WhatsApp, le tre persone arrestate sono indagate per estorsione e truffa aggravata in concorso.
Come ha fatto notare la trasmissione RAI "Chi l'ha visto?" è molto difficile difendersi da reati simili una volta cascati nella trappola, soprattutto quando l'inganno parte dal continente africano, stavolta non è stato così e i presunti truffatori verranno sottoposti a un processo caratterizzato da molte prove a loro carico.

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.