Arriva Scot, il labrador anti-“marinata”

  •  
  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  

In Italia lo si chiama in molti modi: bigiare, salare, grifare, limare, fare filone, forca, berna, fughino o sega. Qualunque terminologia si utilizzi il significato sarà sempre lo stesso: marinare la scuola, una scelta casuale per alcuni, per altri un vero e proprio stile di vita.
A Legnago, in provincia di Verona, qualcuno si è reso conto che questo marinare stava diventando un problema e ha deciso di correre ai ripari con una sorta di "pet therapy" volta a contrastare in maniera alternativa la "dispersione scolastica": il protagonista della nostra storia si chiama Scot ed è un un labrador tinta chocolate di 3 anni, verrà impiegato non solo per scovare i vari "Lucignolo", ma anche per sentire le ragioni del disagio di questi ragazzi.
Il cane infatti verrà portato al guinzaglio da due educatori professionali che, con la scusa di far accarezzare Scot, cercheranno di capire le motivazioni che spingono gli studenti a disertare le lezioni.
L'iniziativa è promossa dalla cooperativa sociale "Aretè" nell'ambito del progetto "Scarpe Diem", a Legnago sono stati individuati una trentina di giovani che marinano la scuola costantemente e si cercherà di risolvere quello che potrebbe diventare un problema sociale con molto tatto e con una mano da parte della "pet therapy", anzi, una zampa!

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.