Caso Pitzalis-Piredda: il procuratore aggiunto di Cagliari chiede l'archiviazione

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il procuratore aggiunto di Cagliari Gilberto Ganassi ha chiesto l'archiviazione per Valentina Pitzalis, attualmente indagata per omicidio volontario e incendio doloso. Nel 2011 l'ex marito della ragazza, Manuel Piredda, provò a ucciderla dandole fuoco. Valentina, nonostante i danni a gran parte del suo corpo, riuscì a salvarsi per miracolo e fu sottoposta a mesi di terapie e interventi chirurgici, mentre Manuel perì durante il tentativo di omicidio, almeno così hanno sempre sostenuto gli inquirenti.
Il caso si riaprì quando nel 2016 la famiglia dell'uomo presentò una denuncia (e non un esposto com'è stato scritto su molte testate giornalistiche) per fare luce sulla vicenda. In quell'occasione l'avvocato Gianfranco Sollai fece notare che nessuna sentenza aveva condannato Piredda per avere sfigurato col fuoco l'ex moglie, inoltre il legale aggiunse che «L'iscrizione del procedimento penale a carico di Manuel nel registro notizie di reato è conseguita alla dichiarazione accusatoria di Valentina Pitzalis e previa richiesta di archiviazione da parte del PM per morte del reo, archiviata dal GIP per il medesimo motivo con un decreto, provvedimento questo che viene emesso come previsto dalla legge in assenza di contraddittorio».
Il dubbio in questo caso che è passato alle cronache come "l'incendio di Bacu Abis" è sempre stato sull'identità della persona che ha appiccato fuoco col kerosene: Manuel o Valentina? Nel 2017 gli onorevoli Mariano Rabino e Graziella Giammanco presentarono addirittura un'interpellanza all'allora Guardasigilli Andrea Orlando per fare chiarezza sull'iter giudiziario.
Oggi, terminato l'incidente probatorio, il magistrato requirente ha chiesto l'archiviazione. Per addivenire a tale conclusione sono stati determinanti due elementi della perizia sul corpo di Piredda: il giovane sarebbe morto soffocato prima che il fuoco lo bruciasse, inoltre non sono stati trovati segni di violenza.
L'ultima parola su questa tragedia, che ha tenuto col fiato sospeso l'Italia e di cui si sono occupate numerose tramissioni televisive come "Chi l'ha visto?" e "Quarto Grado", spetterà alla GIP Maria Gabriella Muscas.

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.