CCleaner ha distribuito inconsapevolmente malware per un mese, un brutto inizio per Avast

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

CCleaner è un software molto diffuso fra i sistemi operativi Windows e Android per la pulizia dei registri di sistema, l'ottimizzazione delle prestazioni e la protezione della privacy. È proprio questo il problema: dovrebbe essere un programma che protegge la privacy, ma a quanto pare, secondo recenti affermazioni della Piriform, azienda che lo ha prodotto, avrebbe distribuito malware ai suoi utenti per circa un mese.
Il problema nasce dalle versioni 5.33.6162 di CCleaner e 1.07.3191 di CCleaner Cloud, entrambe a 32 bit per Windows: sono state messe a disposizione dell'utenza il 15 agosto per poi essere ritirate il 12 settembre.
Gli aggiornamenti di sicurezza sono stati prontamente caricati sui server, pronti per i download, ma indubbiamente si tratta di un brutto inizio per la società Avast Software, nota per il suo antivirus, che di recente ha acquisito Piriform e quindi anche CCleaner.

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.