Guerra psicologica dietro al cyberattacco di questi giorni?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il ransomware WannaCry, sebbene abbia fatto ingenti danni, sembra non aver destato particolare preoccupazione fra gli esperti di sicurezza informatica e si comincia a parlare di guerra psicologica o azione distrattiva.
Al momento si calcola che gli "hacker" abbiano guadagnato circa 60.000 dollari: «Non è l'attacco più grave della storia, il malware utilizzato è scarso ed è ridicola la proporzione tra macchine infette e soldi guadagnati. WannaCry non è all'altezza di altri malware ben più potenti, dal punto di vista criminale è totalmente fallimentare», questo il commento sui fatti degli ultimi giorni di Andrea Zapparoli Manzoni rilasciato all'ANSA.
«Ci sono una serie di fattori strani - ha aggiunto lo specialista di ICT - che fanno pensare più a un'azione di guerra psicologica che di crimine finalizzato al guadagno. L'attacco è di ordinaria amministrazione, ma ha fatto scalpore perché ne ha parlato la BBC e ha colpito gli ospedali, tuttavia non è il più grave della storia. Gli hacker inoltre hanno deciso di integrare un'arma legata all'NSA, EternalBlue, un fatto controproducente dal punto di vista criminale: così si sono attirati le attenzioni delle intelligence di tutto il mondo».

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.