Gatto cade dall'ottavo piano e ferisce un passante: a processo la proprietaria

  • 253
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Per chi se lo sta già chiedendo: sì, il micio purtroppo non ce l'ha fatta ed è morto sul colpo.
Sfortunato anche il signore che si è trovato nella traiettoria del felino caduto e che nonostante il tremendo impatto se l'è cavata con un trauma al collo e 30 giorni di prognosi.
Ma andiamo ai fatti: è il 27 luglio del 2017, il 56enne I.G. vive a Chieri, ma nonostante la vicinanza a Torino non si reca mai nel capoluogo piemontese: solo da giovane, quando ha fatto il militare, e per l'ostensione della Sindone. Quel giorno cammina sereno verso il mercato di zona Santa Rita.
Ad un tratto il "botto": un gatto da 6 chili caduto dall'ottavo piano di un condominio gli piomba addosso e, letteralmente, lo mette KO. L'uomo viene portato immediatamente in ospedale con un serio trauma cervicale, per il micio non c'è niente da fare.
Nel contesto è molto importante ricordare l'art. 2052 c.c., per cui «Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall'animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito».
L'ipotesi di reato per la padrona del felino a livello penale è lesioni personali colpose, la donna è già stata multata dalla polizia municipale per omesso controllo dell'animale e andrà a processo presso il Giudice di Pace.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.