Mario Pio Zarrillo è stato trovato morto. «Ha visto qualcosa che non doveva vedere»

La vicenda di Mario Pio Zarrillo, il 22enne scomparso lo scorso venerdì 31 agosto si è conclusa nel peggiore dei modi: il suo cadavere è stato rinvenuto a Marcianise (CE) a poca distanza da via San Francesco, dove aveva parcheggiato la macchina del padre.
Le sue ultime immagini sono state catturate da alcune telecamere di sorveglianza comunali: in un video registrato intorno alle 22.30 il giovane è stato ripreso mentre si allontanava dall'auto con un zaino sulle spalle.
Mario Pio era uscito da casa dopo aver riferito ai genitori che si sarebbe recato al centro commerciale "Campania", durante il pomeriggio si era scambiato dei messaggi con la madre e la fidanzata. Alla sua ragazza aveva spedito alcune parole di affetto che dopo la scomparsa erano risultate molto inquietanti: «Sei una bellissima persona, non cambiare».
Sono stati inutili durante tutti questi giorni di angoscia gli appelli dei genitori e degli amici.
Dopo che la tragica morte del ragazzo è stata resa nota si sono susseguite notizie più o meno eclatanti: secondo quanto riportato dalla testata giornalistica Casertace.net, che pure ha usato tutte le dovute cautele nel pubblicare gli articoli inerenti alla vicenda, Zarrillo avrebbe frequentato la comunità pakistana e sarebbe stato visto «esercitarsi in una sorta di poligono improvvisato con un'arma ad aria compressa».
L'ipotesi sarebbe quella di contatti col terrorismo internazionale, rafforzata da una diceria riferita da un amico di Mario Pio: «Ha visto qualcosa che non doveva vedere» (fonte: ancora Casertace.net).
La dinamica dei fatti non è chiara, ma sembra che il giovane si sia suicidato.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con master in scienze forensi e fra pochi mesi in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.