Il direttore dell'NSA Dan Coats: «Cyberattacchi sempre più aggressivi, mai così tanti allarmi dall'11 settembre»

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

«I segnali d'allarme ci sono, il sistema lampeggia. Oggi l'infrastruttura digitale che serve il nostro paese è letteralmente sotto attacco. Fu nei mesi precedenti all'11 settembre che, stando all'allora direttore della CIA George Tenet, il sistema lampeggiò di rosso e quasi due decenni dopo sono qui a dirvi che l'allarme rosso lampeggia nuovamente», queste le parole di Dan Coats, il direttore della National Security Agency statunitense (Agenzia per la Sicurezza Nazionale), ai microfoni della CNN.
Nell'intervista si è fatto riferimento a Cina, Iran e Corea del Nord come «un pericolo per la democrazia», in particolare la Russia è stata descritta come «l'attore straniero più aggressivo, senza dubbio».

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.