L'intelligenza artificiale cambierà le scienze forensi?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si chiama VALCRI ed è un sistema di algoritmi ideato dalla Middlesex University di Londra in grado forse di cambiare radicalmente le scienze forensi.
Ma come funziona questa nuova scoperta che molti associano all'intelligenza artificiale? VALCRI è in grado di analizzare milioni di testimonianze, foto, interviste, registrazioni e dati storici dagli archivi della polizia per trovare le connessioni più importanti al fine di aiutare, se non addirittura risolvere, le indagini.
Il sistema che è dotato di riconoscimento facciale e che è anche capace di comprendere la scrittura umana e cogliere le sfumature linguistiche negli interrogatori (se tre diversi testimoni fanno riferimento a una persona con parole simili ma non identiche se ne accorge) è attualmente in fase di test nelle West Midlands (Inghilterra) e ad Anversa (Belgio).
Per il momento è assolutamente necessario un monitoraggio umano costante sul progetto che avviene soprattutto durante una fase di controllo dei risultati, ma siamo solo agli albori di questa nuova tecnica ed è facile prevedere novità importanti.

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.