Matteo Cagnoni è stato rinviato a giudizio

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo mesi di indagini è stata depositata la richiesta di rinvio a giudizio per Matteo Cagnoni, il dermatologo di Ravenna accusato di aver ucciso a bastonate la moglie Giulia Ballestri.
I reati che vengono contestati al medico sono omicidio pluriaggravato da premeditazione, crudeltà e l'aver agito nei confronti del coniuge e occultamento di cadavere nella cantina della villa dove è stato compiuto il delitto.
Per i p.m. Alessandro Mancini e Cristina D'Aniello la premeditazione traspare in particolar modo dal fatto che Cagnoni il 14 settembre aveva dato disposizione alla segreteria della clinica di Bologna dove prestava attività ambulatoriale di annullare tutti gli appuntamenti per il 16, giorno del delitto.

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.