Per tutelare il proprio posto di lavoro è possibile registrare audio di colleghi

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La condotta del lavoratore che, per tutelare la propria posizione messa a rischio da contestazioni disciplinari non cristalline, si precostituisce un mezzo di prova come registrazioni di conversazioni dei colleghi non è penalmente rilevante.
Così si è espressa con la sentenza n. 11322/2018 la sezione lavoro della Cassazione che ha anche evidenziato come il protagonista della vicenda abbia adottato tutte le cautele per evitare la diffusione dei dati raccolti.
Deve quindi escludersi la rilevanza penale della presunta violazione di privacy e non è nemmeno necessario il consenso dei soggetti registrati, in quanto sussiste un'ipotesi derogatoria per cui il trattamento dei dati personali può essere comunque eseguito se utile per difendere un proprio diritto o svolgere investigazioni difensive ex art. 24, co. 1, lettera f) del D.Lgs. 196/2003.

Ciao! se sei arrivato/a fino a questo punto della pagina significa che l'articolo è stato di tuo gradimento. Devi sapere che "Diritto e Cronaca", anche se utilizza banner, non vive di pubblicità ed è completamente auto-finanziato. L'unico modo che abbiamo di proseguire nel nostro lavoro è chiedere delle donazioni. Siamo grati a chiunque possa darci un aiuto, anche minimo.

Sei un libero professionista o fai parte di un'azienda e vorresti pubblicare contenuti sponsorizzati? Sei un appassionato e vorresti leggere un articolo su un argomento che ti sta a cuore? Organizzi seminari inerenti al diritto e alla criminologia e cerchi qualcuno in grado di valorizzarli? Contattaci cliccando qui o scrivici all'indirizzo info@dirittoecronaca.it e scopri come fare.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con un master in scienze forensi e uno in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.