Ragazzo uccide a colpi di pistola la ex dopo averla sequestrata e si suicida

I corpi di Elisa Amato e Federico Zini sono stati trovati in un parcheggio di San Miniato (PI) poco dopo le 9.
Lui calciatore 25enne di serie D, lei commessa 29enne presso un negozio di abbigliamento.
Sembra che l'incredibile tragedia sia iniziata a Prato, dove il ragazzo avrebbe letteralmente sequestrato la giovane davanti alla sua abitazione costringendola a salire in macchina. I residenti del luogo, sentendo alcune urla, hanno allertato le forze dell'ordine, che tuttavia non sono riuscite a intervenire in tempo.
L'arma usata da Zini per sparare ad Elisa e poi suicidarsi sarebbe una pistola da lui regolarmente detenuta per uso sportivo. Sembra che negli ultimi tempi il ragazzo, nonostante la fine del rapporto, avesse provato a riavvicinarsi alla vittima senza riuscirci.
Federico giocava per una squadra di serie D dopo ingaggi in Mongolia, a Malta e nelle Filippine, nella sua pagina Facebook aveva dato molto risalto alla carriera calcistica.

Ma aveva anche dedicato molti post alla ex che, nonostante la rottura della coppia, aveva tenuto online.

Autore: Davide Ronca

Dottore in giurisprudenza con master in scienze forensi e fra pochi mesi in scienze criminologiche. Giornalista dal 2007, è da sempre attivissimo sul web per portare un'informazione di qualità.